Hello White Privilege!

Oggi si fa un gran parlare del privilegio bianco, ma in realtà pochi hanno ben chiaro di che si tratta. Ora, non è che voglia sciorinare l’enciclopedia sull’argomento, perché tanto se ne è parlato e tanto si continuerà a parlare. Voglio portarvi, però, degli esempi tangibili, delle vere storie di vita, su che cosa sia e come la si può usare a proprio e altrui vantaggio.

Il privilegio bianco, o il cosiddetto privilegio della pelle bianca, è il privilegio sociale che avvantaggia i bianchi rispetto ai non bianchi in alcune società, in particolare se si trovano nelle stesse circostanze sociali, politiche o economiche. Con radici nel colonialismo europeo, la tratta degli schiavi nell’Atlantico e la crescita del secondo impero britannico dopo il 1783, il privilegio dei bianchi si è sviluppato in circostanze che hanno ampiamente cercato di proteggere i privilegi della “razza” bianca, varie cittadinanze nazionali e altri diritti o benefici speciali.

 

Oggi, il privilegio del bianco è spesso descritto attraverso l’obiettivo del rivoluzionario saggio scritto da Peggy McIntosh, “White Privilege: unpacking the invisible knapsack”, e pubblicato sulla rivista “Peace and Freedom“,  la rivista della “International League for Peace and Freedom“, nel 1989. Il saggio aiuta i lettori a riconoscere il privilegio bianco, rendendo i suoi effetti personali e tangibili. Per molti, il privilegio bianco è una forza invisibile che i bianchi devono, per forza, riconoscere. Entrare in un negozio e scoprire che gli scaffali di shampoo e collant sono adatti solo al tipo di capelli e al tono della propria pelle bianca; accendere la televisione e vedere le persone della propria “razza”  bianca, ampiamente rappresentate; vivere quotidianamente senza essere giudicati razzialmente o stereotipati ingiustamente.

Questa idea del privilegio bianco, come vantaggi invisibili e inconsci, ha preso presto piede, già dalla sua formulazione. È diventato facile per le persone interpretare la versione del privilegio bianco di McIntosh, in modo equo o no, come principalmente una questione di cosmetici e inconvenienti. Tali interpretazioni oscurano, però, le origini del privilegio bianco, così come la sua capacità attuale di influenzare le decisioni sistemiche. Oscurano il fatto che il privilegio bianco è, sia un retaggio, sia una causa del razzismo. E oscurano le parole di molte persone di colore, che, per decenni, hanno riconosciuto il privilegio bianco come risultato di atti coscienti e si sono rifiutati di separarlo dalle disuguaglianze storiche.

In breve, abbiamo dimenticato cosa significhi davvero il privilegio bianco, che è sì, tutto questo, ma tutto in una volta. E se sosteniamo che il riconoscimento del privilegio bianco è parte integrante del lavoro di “anti-pregiudizio” degli educatori bianchi, dobbiamo offrire un riconoscimento più ampio. Un riconoscimento che non metta a tacere le voci delle persone più colpite dal privilegio bianco, che non ignori da dove proviene e,   abbia una capacità di resistenza.

Razzismo vs White Privilege

E’ molto importante chiarire questo punto, perché spesso se ne fa una gran bella confusione e si mette tutto in un calderone a dir poco imbarazzante.

Avere il privilegio bianco e riconoscerlo non è razzista. Ma il privilegio bianco esiste a causa del razzismo e dei pregiudizi storici e duraturi. Pertanto, la definizione del privilegio bianco richiede anche la ricerca di definizioni operative di razzismo e di distorsione. Allora, cos’è il razzismo? Una utile definizione viene da “Sociology on Racism” di Matthew Clair e Jeffrey S. Denis. Definiscono il razzismo come “processi e strutture a livello individuale e di gruppo che sono implicati nella riproduzione della disuguaglianza razziale”. Il razzismo sistemico si verifica quando queste strutture o processi sono realizzati da gruppi con potere, come governi, imprese o scuole. Il razzismo differisce dal pregiudizio, che è un pregiudizio conscio o inconscio nei confronti di un individuo o di un gruppo basato sulla loro identità.

Fondamentalmente, il pregiudizio razziale è una credenza. Il razzismo è ciò che accade quando questa convinzione si traduce in azione. Ad esempio, una persona potrebbe inconsciamente o consapevolmente credere che le persone di colore hanno maggiori probabilità di commettere un crimine o essere pericolose. Questo è un pregiudizio. Una persona potrebbe diventare ansiosa se percepisce che una persona di colore è arrabbiata. Ciò deriva da un pregiudizio. Questi pregiudizi possono diventare razzismo attraverso una serie di azioni che variano in gravità e che vanno dalle risposte individuali a quelle di gruppo:

  • Una persona attraversa la strada per evitare di camminare accanto a un gruppo di giovani uomini di colore.
  • Una persona chiama la polizia per segnalare la presenza di una persona di colore che altrimenti si comporterebbe legalmente.
  • Un agente di polizia spara a una persona disarmata di colore perché “temeva per la sua vita”.
  • Una giuria ritiene colpevole di un crimine una persona di colore nonostante le scarse prove.
  • Un’agenzia di intelligence federale ha la priorità di indagare sugli attivisti neri e latini piuttosto che indagare sull’attività dei suprematisti bianchi.

Sia il razzismo che il pregiudizio dipendono da ciò che i sociologi chiamano razzializzazione o etnicizzazione. Questo è raggruppare le persone basandosi  sulle differenze fisiche percepite, come la sfumatura della pelle. Questo raggruppamento arbitrario di persone, storicamente, ha alimentato i pregiudizi ed è diventato uno strumento per giustificare il trattamento crudele e la discriminazione dei non bianchi. Il colonialismo, la schiavitù e le leggi di Jim Crow erano tutti venduti con la scienza spazzatura e la propaganda secondo cui le persone di una certa “razza” erano fondamentalmente diverse da quelle di un’altra – e dovevano essere trattate di conseguenza. E mentre non tutti i bianchi hanno partecipato direttamente a questo vergognoso atteggiamento, i pregiudizi appresi e la sicurezza acquisita da tale trattamento, hanno portato molti a commettere una di quelle azioni più potenti: il silenzio. E proprio così, il trauma, lo spostamento, il trattamento crudele e la discriminazione delle persone di colore, inevitabilmente, hanno dato vita al privilegio del bianco.

If you don't have to think about it, It's a Privilege!

Quindi, che cos’è il privilegio bianco?

Il privilegio bianco è – forse in particolare in questa era di dibattiti incivili – un concetto che è caduto vittima delle sue stesse connotazioni. Il termine di due parole racchiude un doppio smacco che ispira il respingimento.

1) La parola bianco crea disagio tra coloro che non sono abituati a essere definiti o descritti dalla loro razza.

2) la parola privilegio, specialmente per i bianchi poveri e delle zone rurali, suona come una parola che non appartiene a loro – come una parola che fa pensare che non abbiano mai lottato.

Questa difesa fa deragliare la conversazione, il che significa, sfortunatamente, che la definizione del privilegio bianco deve spesso iniziare con la definizione di ciò che non lo è. Altrimenti, solo la massa ascolta; le persone che in realtà vuoi raggiungere stanno solo a guardare. Il privilegio bianco non significa  che i bianchi non abbiano mai lottato. Molti bianchi non godono dei privilegi che derivano dalla relativa ricchezza, come la sicurezza alimentare.

E il privilegio bianco non è il presupposto che tutto ciò che una persona bianca ha realizzato è immeritato; la maggior parte della gente bianca che ha raggiunto un alto livello di successo ha lavorato estremamente duro per arrivare fin là. Invece, il privilegio bianco dovrebbe essere visto come un vantaggio incorporato, separato dal suo livello di reddito o di sforzo.

Il privilegio bianco è avere un maggiore accesso al potere e alle risorse rispetto alle persone di colore, nella stessa situazione. Il privilegio bianco è goduto inconsciamente e consapevolmente perpetuato. È sia sulla superficie che profondamente incorporato nella vita occidentale. È uno zaino senza peso e un’arma….. Dipende da chi la porta.

Per i bianchi muoversi nel mondo significa avere un’aspettativa che i loro bisogni siano prontamente soddisfatti. Le persone di colore si muovono attraverso il mondo sapendo che i loro bisogni sono ai margini. Riconoscere questo significa riconoscere dove esistono lacune.

20190403-003714-OPI Second cartoon 4-3-19Questo privilegio è invisibile a molti bianchi perché sembra ragionevole (e normale) che una persona debba avere considerazione quando si muove nel mondo. Sembra ovvio che una persona possa farsi conoscere come individuo prima che venga giudicata.  Ma è un privilegio spesso non concesso alle persone di colore, con conseguenze terribili.

Proprio come le persone di colore non hanno fatto nulla per meritare questo trattamento disuguale, i bianchi non hanno “guadagnato” un accesso sproporzionato alla considerazione e all’equità. Lo ricevono come sottoprodotto del razzismo sistemico e dei pregiudizi. E anche se non se ne rendono conto nella loro vita quotidiana mentre camminano per le strade, questo privilegio è il risultato di scelte consapevoli fatte molto tempo fa e di scelte che ancora oggi vengono fatte.

Il privilegio bianco non è solo il potere di trovare ciò di cui hai bisogno in un negozio o di spostarti nel mondo senza che la tua razza definisca le tue interazioni. Non è solo il conforto inconscio di vedere un mondo che ti serve normalmente. È anche il potere di tacere di fronte alla disuguaglianza razziale. È il potere di soppesare la necessità di protesta o confronto contro il disagio o l’inconveniente di parlare. E’ scegliere quando e dove vuoi prendere una posizione. Sa che tu e la tua umanità siete al sicuro.

white-priv-card-website_9ff50cf6-bb76-468b-9612-6194f4305585

Una volta che hai riconosciuto il tuo privilegio bianco:

1) Non prenderla sul personale o usare il disagio come scusa per disimpegnarti.
I sensi di colpa o di difesa sono risposte comuni, ma alla fine sono controproducenti. Piuttosto che centrare i propri sentimenti di disagio, centrare i sentimenti delle persone di colore nel valutare cosa fare con queste informazioni. Se il tuo istinto ti sta dicendo che è più comodo ritirarsi o rassicurarti che non sei razzista, pensa invece, quali azioni posso prendere per aiutare?

2) Impara quando ascoltare, quando amplificare e quando parlare. Quando le persone di colore parlano delle loro esperienze di oppressione, è importante per i bianchi non dominare la conversazione o mettere in discussione quelle esperienze. Puoi usare il tuo privilegio per amplificare quelle voci. Condividi il lavoro e le prospettive delle persone di colore sui social media. Ringrazia i colleghi di colore per le idee. Questo non solo aiuta le persone emarginate a raggiungere quel pubblico, ma aiuta anche a diffondere il loro messaggio dalla fonte, piuttosto che attraverso l’obiettivo di una persona bianca. Detto questo, ci sono anche momenti in cui i bianchi dovrebbero parlare. Non è giusto appesantire le persone di colore facendole assumere sempre il comando del lavoro anti-pregiudizio o intervenire quando si dice o si fa qualcosa di offensivo. Se senti commenti razzisti, parla. Se vedi opportunità di educare i compagni bianchi sulla “razza”, fallo. Come alleato, il tuo privilegio può essere uno strumento per raggiungere persone che potrebbero avere maggiori probabilità di ascoltarti o di relazionarti al tuo viaggio nel comprendere la tua relazione con la “razza” e il privilegio bianco.

3) Educa te stesso. Proprio come non dovresti sempre aspettarti che le persone di colore prendano l’iniziativa di parlare contro il razzismo, non dovresti nemmeno aspettarti che ti educhino sul razzismo. Mentre è OK porre domande a coloro che hanno espresso la volontà di rispondere, hai il potere di educare te stesso. Cerca libri e articoli sull’argomento scritti da persone di colore. Valuta in modo critico documentari che riguardano argomenti come la schiavitù, la razza, il sistema carcerario degli Stati Uniti e altro ancora. Abbiamo più accesso alle informazioni create da persone di colore che mai. Approfittane ed evita di gravare amici o colleghi di colore con domande costanti sulle loro esperienze.

4) Educa i compagni bianchi. Condividi ciò che hai imparato. Attraversa il disagio e richiedi conversazioni coraggiose nelle tue cerchie. Non permettere ai colleghi di cavarsela con osservazioni problematiche senza fare uno sforzo serio per coinvolgerli.

5) Rischia i tuoi benefici non acquisiti a beneficio degli altri. Ci sono molti modi per farlo nella nostra vita quotidiana. Intervenire, per esempio,  se vedi un capo o un altro educatore che tratta qualcuno in modo diverso a causa della sua identità razziale. Insistere affinché un collega riceva pari retribuzione o opportunità. Essere un testimone attivo quando vedi persone di colore affrontate dalle forze dell’ordine o molestate da bigotti e far loro sapere che sei lì per sostenerle e registrare l’interazione se necessario. E, ancora,  impegnarsi direttamente nel lavoro sul “anti-pregiudizio”, come instillare pratiche più inclusive nella tua scuola o impresa.

Wikipedia4

A questo proposito desidero raccontarvi la illuminante storia di una donna quadroon (1/4 di discendenza nera), vissuta nella metà degli anni ‘800 in America, e di come ha usato il suo mezzo privilegio bianco. Si tratta di Ellen Carter, nata nel 1826 in Georgia, da una schiava mulatta afro-americana di nome Maria e un eminente piantatore, il maggiore James Smith. La moglie di Smith, per nascondere l’infedeltà del marito, regalò Ellen, all’età di 11 anni, alla loro figlia Eliza Cromwell Smith, come compagna di giochi, prima e poi, una volta sposata a un certo Collins, se la portò via come domestica, divenendo così di proprietà della nuova famiglia Collins. Ellen incontrò William nella nuova proprietà di Eliza e si sposarono. Poiché entrambi non volevano allevare i loro futuri figli in schiavitù, fecero piani per fuggire. Approfittando del colore più chiaro della pelle di Ellen come vantaggio. Ellen, infatti, si tagliò i capelli e si vestì con abiti da uomo; salpò per la Pennsylvania facendo credere a tutti di essere un uomo d’affari con al seguito il suo schiavo (come era usanza dell’epoca). Indossò un sostegno per il braccio per giustificare il fatto che non sapesse scrivere. I Crafts navigarono in prima classe, alloggiarono in hotel di lusso ed Ellen cenò con il capitano del battello a vapore.

Una volta arrivati al nord, i Crafts furono persuasi dagli abolizionisti a raccontare la loro storia in pubblico. In seguito si trasferirono a Beacon Hill, un quartiere benestante di Boston. Nel 1850, il Congresso approvò il Fugitive Slave Act, dando ai cacciatori di schiavi e di taglie incentivi per catturare e ri-catturare gli schiavi. Pesanti sanzioni furono imposte a chiunque avesse assistito gli schiavi nella fuga. I residenti e le forze dell’ordine erano tenuti a segnalare gli schiavi fuggitivi.

Un mese dopo la ratifica della nuova legge, Collins inviò cacciatori di taglie per catturare i Crafts. Al loro arrivo a Boston, furono fermati sia dai bostoniani bianchi che da quelli neri. Collins si appellò anche al presidente Millard Fillmore, il quale decretò che i Crafts dovessero essere restituiti al loro padrone e disse che la forza militare doveva essere usata, se necessario.

Black-Then1
Temendo per le loro vite, i Crafts viaggiarono a Portland, in Oregon, poi ad Halifax, in Nuova Scozia e si imbarcarono sulla Cambria fino a Liverpool, in Inghilterra. Nel 1852, Ellen aveva imparato a leggere e scrivere e pubblicò un articolo per rispondere alle affermazioni e accuse spazzatura  degli antiabolizionisti:

Quindi scrivo queste poche righe solo per dire che l’affermazione è del tutto infondata, poiché non ho mai avuto la minima inclinazione a tornare alla schiavitù; e Dio non voglia che io debba mai essere così falsa davanti alla libertà da preferire la schiavitù al suo posto. Infatti, da quando sono fuggita dalla schiavitù, sono migliorata sotto ogni aspetto, più di quanto avrei potuto immaginare. Tuttavia, se fosse stato il contrario, i miei sentimenti al riguardo sarebbero stati gli stessi, poiché avreio preferito piuttosto morire di fame in Inghilterra, da donna libera, piuttosto che essere schiava del miglior uomo che avesse mai respirato nel continente americano.

Fine-Art-America1

I Crafts ebbero cinque figli e rimasero in Inghilterra per 19 anni. Si guadagnavano da vivere parlando della schiavitù negli Stati Uniti e raccontando la loro fuga. Ellen si unì alla London Emancipation Committee, un’organizzazione di suffragio femminile, e alla British and Foreign Freedmen’s Society.
Nel 1860, i Crafts pubblicarono il loro libro intitolato “Running a Thousand Miles for Freedom“. Un estratto spiega:

Questo libro non è inteso come una storia completa della vita di mia moglie, né di me stesso; ma semplicemente come un resoconto della nostra fuga; insieme ad altra materia che spero possa essere il mezzo per creare, in alcune menti, un avversione più profonda della pratica peccaminosa e abominevole di schiavizzare e brutalizzare i nostri simili. Senza smettere di scrivere lunghe scuse per aver offerto questo piccolo volume al pubblico, inizierò subito a raccontare la mia semplice storia.

Ipernity

I Crafts tornarono negli Stati Uniti solo dopo la guerra civile americana e l’approvazione di emendamenti costituzionali che consentirono l’emancipazione. Nel 1870 acquistarono 1800 acri di terra in Georgia e tre anni dopo fondarono la Woodville Co-operative Farm School. La scuola chiuse dopo che William fu accusato di appropriazione indebita di fondi e la fattoria fallì a causa della violenza dell’era della ricostruzione e del calo dei prezzi del cotone. Ellen e William morirono rispettivamente nel 1891 e nel 1900.

 

Use-Your-White-Privilege-To-End-Your-White-Privilege-Uncustomary-4

@Wizzy, Afro Bodhisattva, Entrepreneur, Multipotentialite Wantrepreneur, Physical Anthropologist, Freelance researcher of African Studies, culture, tradition and heritage, CEO Dolomite Aggregates LTD and Founder IG MBA Métissage Boss Academy ,  MBA Metissage & Métissage SangueMisto.