See on Scoop.itTHE ONE DROP RULE – LA REGOLA DELLA GOCCIA UNICA

Luisa Casagrande‘s insight:

Applicabile per tutte le lingue del mondo.

In tutta la mia vita, la frase "parlare come un bianco" è stato usato per descrivere il modo in cui parlo. Io sono un afro-americano, ma dicono che "parlo bianco."

Sin dalla scuola elementare sono stato preso in giro per il modo in cui parlavo. Faceva male sapere che non ero accettato dalla mia “razza”. Non capivo cosa intendessero per "parlare bianco." Peggio ancora, ero di pelle chiara. Non venivo accettato per tutte queste ragioni. Non riuscivo ad adattarmi. Mi sono trovato ad odiare la mia voce e il colorito della mia pelle.

A causa di queste due componenti chiave che dicevano "io non posso essere nero," mi chiedevano sempre se uno dei miei genitori fosse bianco. Non ho mai avuto assolutamente nulla contro i caucasici.  Ma se qualcuno mi avesse chiesto se ero misto, avrei risposto subito di "no" ed avrei assunto un atteggiamento davvero ostile. La realtà è che io sono misto. Da qualche punto lungo la linea (generazionale) devo avere del bianco in me. Un sacco di persone possono rintracciare un po’ di bianco se andassero un po’ più in profondità. Ma per loro la mia carnagione e la mia voce erano bandiere che affermavano chiaramente che non ero nero.

 

Non venivo accettato come nero tra i miei amici. La lingua che usavo era semplicemente "troppo corretto" per essere "nero". Questo è davvero triste. E’ davvero doloroso pensare che la mia generazione non ritenga l’utilizzo corretto dell’inglese il modo in cui tutti i neri dovrebbero parlare. Che cosa c’è di  strano nel parlare correttamente l’inglese? Se io sono istruito, perché dovrei parlare come se io non lo fossi?

Mia madre è una insegnante di inglese e la grammatica impropria non è mai stata tollerata. Non importava se ero nella privacy di casa mia. Dovevo parlare correttamente o non dovevo parlare per niente. Anche se accidentalmente dicevo qualcosa di sbagliato, ho dovuto correggermi rapidamente prima che mia madre avesse la possibilità di rimproverarmi. Ringrazio  mia madre. Sento di ragazzi della mia età, giovani o più grandi, dire cose che sono grammaticalmente scorrette. E ‘triste che alcune persone non possano o non usino la lingua in modo corretto e che affermando che essi stessi non hanno la capacità di parlare in modo corretto. accettino che questo sia il modo in cui è e dovrebbe essere.

Io sono nero, e il modo in cui parlo non è né nero né bianco. Il modo in cui parlo è intelligente. Ho finalmente accettato il modo in cui parlo. Tutte le persone, non importa di che razza siano, hanno la capacità di parlare correttamente la loro lingua. Quando la mia generazione si renderà conto che non è saggio considerare il discorso intelligente come un difetto, allora forse la pratica di usare un linguaggio povero finirà. Ecco quello che la mia generazione afro-americana non si rende conto: Quando dicono “parlo bianco”, stanno affermando che essi stessi non hanno la capacità di parlare in modo corretto.

 

[Taylor Tramell  http://detroit.blogs.time.com/2010/03/05/i-dont-speak-white]