See on Scoop.itTHE ONE DROP RULE – LA REGOLA DELLA GOCCIA UNICA

Luisa Casagrande‘s insight:

Aneta Pavlenko, professoressa alla Temple University di Philadelphia, ha appena scritto un libro innovativo, “La mente bilingue”, sull’interessante rapporto tra linguaggio e pensiero nei  bi-e multi- lingui.

 Lei stessa parla molte lingue e ha studiato questo argomento per gran parte della sua carriera.

 

Ha gentilmente accettato di rispondere ad alcune domande sul suo libro.

Il suo lavoro è ispirato dagli scritti di alcuni linguisti e antropologi di fama come Humboldt, Boas, Sapir e Whorf. Che ruolo hanno giocato esattamente?

Questi studiosi sono comunemente visti come sostenitori della relatività linguistica, l’idea, cioè, che diversi linguaggi plasmino mondi diversi per coloro li parlano. Questa idea è molto controversa e al centro del dibattito vi è ancora una profonda incomprensione – e un intenzionale travisamento – dei punti di vista di Sapir e Whorf. Quando ci riferiamo ai loro scritti, vediamo che questi studiosi del multilinguismo, interessati al cambiamento del linguaggio, non credevano, nemmeno per un attimo, che la lingua determinasse il pensiero. Se l’avesse fatto, sia il cambiamento del linguaggio sia l’apprendere con successo una seconda lingua, sarebbero stati impossibili. Nel libro, cerco di risolvere questo giallo linguistico, identificare i veri autori dell’ipotesi di Sapir e Whorf e poi tornare alle domande originali sollevate da Humboldt, Sapir e Whorf su ciò che succede quando si impara una nuova lingua.

Cosa intende con l’espressione “la mente bilingue”?

Uso l’espressione "la mente bilingue" per attirare l’attenzione sul fatto che la maggior parte della popolazione mondiale è bi-o multilingue e per sostenere che questo bi-/multilinguismo è necessario per la comprensione della cognizione umana.
 Il processo di apprendimento e l’utilizzo della lingua influisce sulla categorizzazione, la memoria, la percezione, e la percezione di sé; imparare un’altra lingua può rimodellare questi processi e riorganizzare la struttura della mente.

Lei parla di "effetti del linguaggio" nella sua discussione sulla mente bilingue. Ci può spiegare che cosa intende?

Questo termine si riferisce alle richieste che i linguaggi individuali pongono sui nostri processi cognitivi in termini di giudizi categorici e ripartizione di attenzione. Alcuni ci richiedono di segnalare se l’azione è compiuta o ancora in corso, altri ci richiedono di dire se abbiamo assistito personalmente ad eventi particolari. Imparare una nuova lingua richiede di assegnare le risorse in modo diverso e di acquisire nuove distinzioni categoriali e modi di analizzare gli eventi.

Lei afferma che quando si acquista una seconda lingua, la ristrutturazione cognitiva avviene. Ci può spiegare di cosa si tratta?

Ristrutturazione cognitiva si riferisce all’auto-riorganizzazione delle categorie linguistiche che avviene quando si impara una seconda lingua. Prendiamo, per esempio, le coppie di parole in inglese / russo / CUP chashka (tazza) e GLASS/ stakan (vetro). I Russofoni che imparano l’inglese inizieranno associando le parole inglesi ‘tazza’ e ‘vetro’ con le rappresentazioni già esistenti di ‘chashka’ e ‘stakan’. Questo può solo farli uscire dai binari perché in inglese si chiama carta, la plastica e i contenitori in polistirolo per il caffè da passeggio e in russo si chiamano ‘stakanchiki’ (bicchierini). Per usare l’inglese in modo appropriato, l’apprendente deve ristrutturare le rappresentazioni preesistenti, nel caso di ‘vetro’, per esempio, spostando l’attenzione dalla forma al materiale. E questo è solo un semplice esempio della miriade di aggiustamenti cognitivi nelle categorie lessicali e grammaticali che hanno luogo quando acquisiamo una seconda lingua.

Quali sono i principali fattori che contano in questa ristrutturazione?

La ristrutturazione cognitiva è un nuovo orientamento nella ricerca sul bilinguismo. Di conseguenza, stiamo solo iniziando a capire il suo processo e i fattori che incidono su di esso. A mio parere, il fattore chiave comporta l’uso del linguaggio nella comunicazione, in contesti significativi e in presenza di oggetti fisici. La co-presenza di forma e significato ci permette di formare nuove connessioni tra le parole e i loro referenti e di imparare a prestare attenzione alle distinzioni richieste dalla seconda lingua.

Come ha influenzato il suo pensiero sull’argomento il suo multilinguismo?

In primo luogo, il mio multilinguismo mi fornisce spunti pratici su che cosa significhi vivere in due o più lingue. In secondo luogo, le lingue con cui lavoro – Francese, Spagnolo, Italiano, Polacco, Ucraino, e la mia lingua madre, il Russo -offrono l’accesso a un vasto corpo di letteratura che posso leggere in originale, che è particolarmente importante nel caso di Bachtin, Luria, e Vygotskij, autori tradotti indecentemente in inglese.

Nel suo libro, lei fa riferimento a una grande quantità di lavoro accademico, da molte fonti diverse, ma fa anche riferimento a biografie, alla letteratura, tra cui la poesia, così come a testimonianze personali. Ci può dire qualchecosa di più su questo?

Certamente. Credo profondamente che la nostra cultura sia significativa solo nella misura in cui si possa parlare di persone reali e di affrontare i loro problemi e dilemmi quotidiani. È per questo che cerco di fare collegamenti tra gli studi condotti in laboratorio sperimentale e la scrittura autobiografica e poetica, che, a mio avviso offre un accesso senza precedenti ai mondi interiori delle persone (per esempio le opere di Vygotskij e di Sapir). La combinazione rispecchia anche il mio bilinguismo accademico. La mia formazione è avvenuta in due ambienti accademici, russa e inglese, e mentre scrivo in inglese, richiamo la tradizione accademica russa fatta di intrecci con la ricerca narrativa e poesia.

A un certo punto nel suo libro, voi dite che siete "irriverente per natura". Come ha questa caratteristica ti ha aiutato nel tuo lavoro?

Dal primo giorno di università, non ho mai pensato che dovessi aderire a questa o a quella teoria e ho continuamente messo in discussione le premesse e le fondamenta della nostra ricerca. Ho il sospetto che questo comportamento indisciplinato mi abbia reso una persona fastidiosa e una seccatura per i miei professori, ma mi ha anche reso una ricercatrice migliore perché mi ha portato a non rispettare i confini artificiali tra teorie e paradigmi. Condurre una ricerca sperimentale mi ha insegnato un sano rispetto per le sfide della scienza empirica, mentre le teorie sociolinguistiche mi hanno offerto gli strumenti necessari per la valutazione critica dell’impresa scientifica. L’irriverenza mi rende anche una scrittrice migliore, o almeno rende la scrittura più divertente.

Talvolta lei dimostra preoccupazione per il lavoro di alcuni psicologi, linguisti, antropologi e anche traduttori. Perché?

Nel caso della psicologia, la mia preoccupazione principale è come vengono trattati i bilingui. Alcuni ricercatori escludono i bilingui come soggetti “disordinati” o “caotici” ed altri li trattano come relatori rappresentativi delle loro prime lingue, scostando gli effetti potenziali di una seconda lingua. Nel caso della linguistica e l’antropologia, la mia preoccupazione principale è il bilinguismo proprio dei ricercatori. Nonostante siamo linguisti, ci teniamo a uno standard abissalmente basso come studenti di lingue. Le mie preoccupazioni sono rafforzate dai molti errori che vedo nella cura della lingua Russa nella traduzione e nella letteratura accademica, che a volte, non riesce nemmeno a cogliere esattamente fatti basilari.

Dove pensa che la ricerca sulla mente bilingue arriverà nei prossimi dieci anni?

Vedo tre direzioni principali per la ricerca nel prossimo decennio. La prima e la più diretta applicherà approcci esistenti per lo studio di altre combinazioni linguistiche e i diversi tipi di bi-e multilingui. La seconda esaminerà se le influenze linguistiche sulla cognizione siano anche soggetti a effetti di plasticità, in altre parole: vi è un periodo cruciale per imparare a prestare attenzione alle distinzioni categoriche e traiettorie di movimento in modo naturalmente originario? La terza direzione è di andare oltre lo studio di acquisizione da immigrati o studenti di lingue straniere, dell’inglese, francese o tedesco e di valutare in che modo chi parla le principali lingue del mondo, tra cui i ricercatori, acquisisca le lingue parlate da piccoli gruppi di persone.

Più in generale, se lei avesse un desiderio che potrebbe avverarsi riguardo ai bi-e multilingui, quale sarebbe?

Questa è una domanda interessante e inaspettata. Credo che vorrei che le persone che parlano più di una lingua provassero meno ansia per le loro lingue, meno preoccupazioni sui limiti e le carenze percepite e più gioia e orgoglio. Quando vengo ai workshops e alle conferenze nel vostro paese, la Svizzera, assisto a presentazioni sorprendenti e a scambi che si svolgono in Tedesco, Francese e Inglese. Ma vedo anche i miei colleghi multilingui e i loro studenti essere preoccupati per le limitazioni del loro inglese, carenze nel loro tedesco, o l’accento sbagliato nel loro francese. Per terminare con le sue parole, che è diventato un motto per tutta la mia agenda di ricerca, un bilingue non è una somma di due monolingui, ma un parlatore/ascoltatore unico nel suo/sua natura.

Quindi siamo orgogliosi delle nostre capacità linguistiche e nelle nostre conquiste.

Pavlenko, Aneta (in press). The Bilingual Mind And What It Tells Us About Language And Thought. Cambridge: Cambridge University Press.

 

FONTE: http://www.psychologytoday.com/blog/life-bilingual/201310/the-bilingual-mind